Nella giornata di oggi, il GUP del Tribunale di Pisa, Laghezza, ha emesso una sentenza di non luogo a procedere nei confronti di Antonio Logli, accusato di aver ucciso la moglie Roberta Ragusa. La sentenza è stata declarata perchè “il fatto non sussiste”: il GUP, dunque, non ha ritenuto convincenti e decisivi gli indizi raccolti dall’accusa, rappresentata dal procuratore Giaconi. L’imputato, subito dopo la lettura della sentenza, è uscito insieme ai suoi avvocati senza dire nulla ai tanti giornalisti accorsi sul posto. Ora per la Procura resta da giocare la carta del ricorso dinanzi alla Suprema Corte di Cassazione, ma il caso resta ad ogni modo complesso.

Leave a reply